Agende: La rivincita di carta e penna - PaperBlog | myPaperfriends
<%=gblHTMLTitle%>

PERSONALIZZA IL TUO

Personalizza quaderni, taccuini e diari con la tua foto ed in pochi giorni sarà a casa tua!



PUNTI DI FORZA





Agende
curiosità

Agende: La rivincita di carta e penna

Di del 14 giugno 2017

Passano gli anni e cambiano le mode: il digitale avanza e mangia spazio a qualsiasi rivale… carta e penna in primis.

Ma siamo davvero così sicuri che la tecnologia sia il meglio del meglio in ogni occasione?

No, o quantomeno non sempre.

L’argomento ha destato così tanto interesse, che numerose tra le Università  più rinomate del globo, si sono preoccupate di studiare la questione e di fornire risposte tutto sommato inaspettate… e dal profumo un po’ retrò.


Studi

1) Prima tra tutte ad interessarsi all’argomento è stata la Princeton University, che nel 2013 ha portato avanti una ricerca condotta dalla Dott.ssa Muller, sulle differenti modalità di registrazione degli  appunti.

La ricercatrice iniziò con il dividere la classe in due gruppi: una parte dotata di carta e penna e una di laptop.
Gli studenti furono poi invitati a seguire una normale lezione e pregati di prendere appunti, così come erano abituati solitamente a fare.

Ne uscì fin da subito che gli appunti presi con carta e penna erano in grado di attivare dei processi cognitivi del cervello tali da migliorare la comprensione e la memorizzazione dei quanto appena ascoltato. In particolare, fu chiaro che prendere gli appunti a mano richieda un grado maggiore di attenzione e attivi direttamente quei processi di rielaborazione delle informazioni che sono necessari per sviluppare memoria e apprendimento. Prendere gli appunti a mano stimola inoltre a essere sintetici e schematici.

2) Ad interessarsi a questo duello fu poi il colosso Microsoft. Si potrebbe in realtà pensare che un’azienda così grande potrebbe avere tutto l’interesse a promuovere l’uso del pennino, avendo incentrato buona parte della propria campagna di marketing per il 2 in 1 Surface. In realtà anche la loro ricerca portò a confermare che carta e penna sono uno strumento tutt’oggi indispensabile e che appuntare note e concetti a mano su carta, porti ad un maggior coinvolgimento nel processo di elaborazione di ciò che si ascolta. L’appunto digitale, invece, sarebbe più associato ad un processo superficiale di trascrizione passiva di ciò che si ascolta.

3) L’ultima ricerca condotta a riguardo dalla Psychological Science OlineFirst, ha definitivamente messo il punto sull’argomento: prendere appunti a meno libera è decisamente meglio che usando un PC o un tablet.
Fissa automaticamente nella memoria a lungo termine tutte le informazioni concettuali e ci obbliga fin da subito ad una selezione attenta delle notizie in entrata. Mantiene il cervello sull’attenti e ci spinge a prendere appunti proprio come suggerito dal metodo estiqaarsi: sintetici, grafici e schematici… cosa impossibile con un laptop, che ci porterebbe a creare un “muro di testo” davvero poco utile per il futuro.


Ecco nello specifico i 5 vantaggi di prendere appunti “di pugno”:

  • LENTO E’ MEGLIO: Chi scrive a mano è costretto ad andare più piano rispetto a chi riesce a scrivere rapidamente al PC. A quanto pare però, è proprio questa lentezza nel buttar giù i concetti il punto di forza della memorizzazione;
  • SCEGLIERE LE COSE PIU’ IMPORTANTI: Gli studenti che scrivono sulla tastiera tendono a provare a scrivere tutto quello che sentono, mentre quelli che scrivono a mano sono automaticamente più selettivi, ragionano sul materiale ed eseguono fin da subito una prima elaborazione.
  • SI RICORDANO MEGLIO I CONCETTI NELL’IMMEDIATO: Si registrano subito non solo dati, ma interi concetti. L’esperimento ha evidenziato nettamente che i due gruppi ricordavano allo stesso modo fatti e informazioni semplici, ma a domande più complesse, che riguardavano i concetti raccolti nelle conferenze, quelli che avevano preso appunti “old style” hanno risposto  nettamente meglio, avendo elaborato le questioni
    “in presa diretta”.
  • STUDIARE GLI APPUNTI E’ PIU’ SEMPLICE: La scrittura a mano permette di ritrovare prima e più facilmente concetti e informazioni, rispetto alla schermata di un computer.
  • UN TACCUINO OFFRE MENO DISTRAZIONI:  Volete mettere un taccuino, con la possibilità di avere libero accesso ad internet e di conseguenza porte aperte su social network di ogni tipo???

C’è bisogno di aggiungere altro??? Probabilmente no.

Eppure abbiamo un’ultima cartuccia: il calore della carta non potrà mai passare di moda se messo a paragone con la freddezza di uno schermo.

TAGS
ARTICOLI COLLEGATI